By Rainer M. Rilke

Questa edizione riunisce in un unico quantity tutti i principali scritti di Rainer Maria Rilke sull'arte e sulla letteratura, permettendo così al lettore italiano di inoltrarsi nella complessità e nella ricchezza dell'estetica di uno dei più grandi poeti della fin de siècle. In ogni quadro, in ogni poesia, in ogni racconto e in ogni scultura Rilke cerca sempre di ritrovare se stesso, di vedere espressa con strumenti e modalità differenti los angeles medesima "svolta" (Wendung) che vive nel suo animo, l. a. sensibilità e l. a. visione dell'esistenza e dell'arte che sono impresse nella sua interiorità. Il poeta compone solo due monografie, devote rispettivamente a Rodin e alla pittura di Worpswede, ma nei suoi scritti si sofferma su una miriade di scrittori e artisti del XX secolo, da Thomas Mann a Hermann Messe, da Nietzsche a Maeterlink e Cézanne, scrive di Tolstoj e delle icone, del teatro belga, della letteratura scandinava, tedesca, francese e italiana.

Show description

Read Online or Download Tutti gli scritti sull'arte e sulla letteratura. Testo tedesco a fronte PDF

Best italian books

Bossic instinct

Il libro raccoglie le principali vignette edite ed inedite del 1993. Un anno così burrascoso dal punto di vista politico da rappresentare, consistent with Forattini, un'autentica cuccagna.

Additional info for Tutti gli scritti sull'arte e sulla letteratura. Testo tedesco a fronte

Sample text

Infatti, una lunga tradizione li aveva dapprima relegati a scritti non dello Stagirita, ma di pensatori del Peripato, che in essi avrebbero espresso opinioni altrui, comunque non sempre e non tutte riferibili ad Aristotele; poi a scritti sì del nostro filosofo, ma che conterrebbero un pensiero non scientifico e non rigoroso, gravitante nell’ambito della dialettica, ritenuta a sua volta inferiore alla scienza – l’unico discorso vero – perché basata su opinioni e quindi aperta soltanto al verisimile.

C. , all’età di cinquant’anni, per cui la data di nascita si colloca nel 371. Quanto al suo ingresso nell’Accademia, essendo avvenuto a diciassett’anni, daterebbe del 354. Di conseguenza, essendosene allontanato alla morte di Platone, ossia nel 348/347, vi sarebbe rimasto non vent’anni, bensì soltanto sette. Ma proprio l’inattendibilità di questa circostanza, che non è accolta da quasi nessuno studioso e che, oltre a essere incompatibile con le notizie di altre fonti,8 se fosse vera comporterebbe di ridisegnare i rapporti dello Stagirita con il maestro e il suo ambiente, stante l’impossibilità di comprendere la vivezza della sua partecipazione e la vastità, in così poco tempo, dei suoi interventi filosofici e letterari, fa ritenere non plausibile la cronologia del Marmor Parium.

Se esse non si raccolgono in un sistema complessivo del sapere, a partire dai cui principi sia giustificata la totalità dell’esistente e si conosca l’intero scibile, non per questo tuttavia restano irrelate, ma ammettono un’unità di riferimento. E così la differenza si concilia con l’unità e, sul piano della struttura del sapere, la specificità epistemologica e metodologica delle sue forme non impedisce allo Stagirita di pervenire a una concezione unitaria e organica del reale. Si tratta di non scambiare tale unità e tale organicità con la costruzione di un sistema.

Download PDF sample

Rated 4.73 of 5 – based on 29 votes