By Sarah Jio

È tutto bianco. Il cielo, i tetti, le strade. Claire Aldridge è come ipnotizzata davanti a quello situation. Mai si sarebbe aspettata una tempesta di neve a primavera, un evento rarissimo anche in una città fredda come Seattle. L'ultima volta che si è verificato, infatti, è stato nel lontano 1933, e proprio in quello stesso giorno di maggio. E una coincidenza troppo singolare in step with non stuzzicare l'interesse giornalistico di Claire, che comincia subito a fare delle ricerche. Ed è così che s'imbatte in un vecchio rapporto di polizia, in cui una donna di nome Vera Ray denuncia los angeles scomparsa del figlio Daniel. Una denuncia che, in line with Claire, diventa una sfida: riuscirà a scoprire cos'è successo al piccolo Daniel e a ritrovarlo, dopo tutti questi anni? Percorrendo un sentiero tracciato nel labirinto del pace, Claire inizia quindi a ricostruire, tassello dopo tassello, una storia drammatica eppure struggente. l. a. storia di Vera, una giovane madre che, nella Seattle messa in ginocchio dalla grande depressione, è stata costretta a lasciare solo il suo bambino consistent with andare al lavoro; una donna povera ma orgogliosa, che ha sempre affrontato l. a. vita con coraggio. l. a. storia di un uomo ricco e generoso che, a dispetto delle tradizioni e delle convenzioni sociali, ha sempre seguito l. a. voce del cuore e che non ha mai saputo di essere diventato padre. l. a. storia di un amore profondo e impossibile, di una famiglia pronta a tutto in step with evitare uno scandalo, di un segreto che nessuno avrebbe mai dovuto svelare...

Show description

Read or Download Neve a primavera (2013) PDF

Similar italian books

Bossic instinct

Il libro raccoglie le principali vignette edite ed inedite del 1993. Un anno così burrascoso dal punto di vista politico da rappresentare, according to Forattini, un'autentica cuccagna.

Additional resources for Neve a primavera (2013)

Example text

Gwen annuì. «Esatto. Era una di noi. » Avvampai solo all'idea. » Scrollò le spalle. «Lei non sembra pensarla così. Le dà cento dollari a settimana, oltre a lasciarle la macchina e l'autista a disposizione. » �Già, una fortuna», commentò Gwen, con aria assorta. �Be', io non mi svenderei mai in quel modo», sospirai, cercando di pensare ad altro. �Mai dire mai», ribatté Gwen, mentre apriva la prima delle undici camere che dovevamo pulire quella sera. «Sono tempi duri, e c'è un sacco di gente disperata.

Spinsi il carrello nel corridoio, rivolgendo un cenno di saluto a una coppia elegante che mi passò accanto senza nemmeno degnarmi di uno sguardo. Dove staranno andando? A teatro? O forse all'opera? Lavorando in un posto come quello, era facile perdersi in fantasticherie; per far passare il tempo, m'immaginavo spesso a dormire in uno di quei letti con le lenzuola di lino appena stirate e i morbidi cuscini di piume. Quando lucidavo le maniglie dorate degli armadi, mi concedevo di sbirciare all'interno, ammirando gli abiti di sartoria che vi erano appesi, o i gioielli abbandonati sulle tolette e i flaconi di profumo che costavano quanto sei mesi d'affitto.

Mi sfuggì un sospiro affranto, un attimo prima di ricordare quello che il mio capo mi aveva detto sulla bufera di neve del 1933. » Cercai di mettere a fuoco quello che ci eravamo detti al telefono. «Il Blackberry winter, la neve a primavera. È così che i meteorologi chiamano un'ondata di freddo fuori stagione, se ho capito bene. Frank mi ha accennato a una bufera identica a questa, lo stesso giorno di maggio del 1933. » Abby si raddrizzò sulla sedia. » Sollevai le mani in un gesto rassegnato.

Download PDF sample

Rated 4.90 of 5 – based on 33 votes