By Elena Rzveskaja

Show description

Read Online or Download Memorie di una interprete di guerra PDF

Similar italian_1 books

L'eroe tragico moderno

Publication via Agostino Lombardo

Storia ideologica d'Europa da Sieyès a Marx (1789-1848)

Firenze, Sansoni, 1974, 16mo brossura con copertina illustrata a colori, pp. (Sansoni Università) . Sciolto in parte.

La Bibbia non parla di Dio. Uno studio rivoluzionario sull'Antico Testamento

"Chi legge l'Antico Testamento con l. a. mente disincantata e vi si avvicina con l'atteggiamento sereno che avrebbe verso qualsiasi libro scritto dall'umanità non ha alcuna difficoltà a cogliere l'evidenza dei fatti. " Questo libro è il risultato di anni di studio, pubblicazioni e conferenze. Un cammino che Mauro Biglino ha iniziato come traduttore in step with le Edizioni San Paolo e che lo ha portato a sviluppare una lettura alternativa dell'Antico Testamento capace di suggerire ipotesi davvero rivoluzionarie.

Additional resources for Memorie di una interprete di guerra

Example text

Giocavo a pallavolo. – Bene, bene. E sa sciare? – Non benissimo, ma me la cavo. – Bene. – E comunque, come scia? Quanti chilometri è in grado di fare con gli sci? Cerco febbrilmente di fare un conto: quanti chilometri? Cinque? Sembreranno pochi. Trenta? Non ci crederanno. – Quanti saranno necessari – dice in tono incoraggiante il primo tenente colonnello e mi sorride. – Ne farà quanti saranno necessari. Mi invade una sensazione di leggerezza incredibile, come se mi fossi gettata e ondeggiassi col paracadute.

Poi ci è toccato affrontare una stagione di fanghiglia da impantanarcisi dentro, è stato allora che ho imparato ad andare a cavallo. Davvero indimenticabile lo stadio di Choščevka immerso nel fango. Abbiamo attraversato il campo di Borodino, dove combatté Napoleone, come ricordano ancora i numerosi obelischi militari. Abbiamo guadato il fiume Moscova e iniziato la marcia verso Višenki, respinto gli attacchi del nemico e per la prima volta sperimentato sulla nostra pelle le divisioni siberiane. Era iniziato l’attacco a Mosca.

Mica potevo portarmi appresso l’imbottita... Non ricordo cos’altro presi con me, dimenticai di portarmi appresso un asciugamano. Ero sicura che, in quanto volontari, ci avrebbero spedito nel punto più vicino del fronte, nei pressi di Mosca, e che l’esercito ci avrebbe fornito di tutto. Andò diversamente. Ci aspettava una motonave ormeggiata. Navigammo lungo il canale Mosca – Volga, allontanandoci dalla città. E intanto la battaglia infuriava sulle vie d’accesso a Mosca. Era il 10 ottobre. Navigammo a lungo, lentamente.

Download PDF sample

Rated 4.14 of 5 – based on 41 votes