By Barker Emma

L. a. vita dopo l. a. morte. Che cosa ci attende nellaldilà
Tra le domande essenziali, fondamentali, che luomo da sempre si pone, vi è quella di conoscere che cosa realmente sarà di noi dopo los angeles morte. Molte risposte si trovano in questo libro. mirknig.com
Nato dal «contatto epistolare» tra un trapassato e una sua amica medium scrivente, il testo espone le graduali esperienze di unentità nel mondo astrale.
Pur senza assumere il tono e lautorevolezza di un maestro, linvisibile autore riesce tuttavia a comunicare un gran numero di insegnamenti preziosi in step with coloro i quali, pur vivendo una normale esistenza, non vogliono ignorare che vi sarà un «dopo».
Il presente testo costituisce così una affascinante e piacevole lettura, un «viaggio» nellAldilà in line with tutti coloro che, a vario titolo, si interessano dei mondi invisibili. Allo stesso pace è un vero e proprio vademecum, una guida pratica da utilizzare una volta giunti nella dimensione astrale.
Il gran numero e l. a. varietà degli episodi e degli incontri riportati permettono di comprendere con immediatezza le sequenze che ciascuno dovrà affrontare una volta giunto nel mondo astrale, pur trattandosi qui soltanto delle major fasi di questa nuova vita, che è comunque destinata advert ampliarsi e advert estendersi verso orizzonti spirituali sempre più lontani.

Show description

Read Online or Download La vita dopo la morte. Che cosa ci attende nell'aldilà PDF

Similar italian_1 books

L'eroe tragico moderno

Publication by means of Agostino Lombardo

Storia ideologica d'Europa da Sieyès a Marx (1789-1848)

Firenze, Sansoni, 1974, 16mo brossura con copertina illustrata a colori, pp. (Sansoni Università) . Sciolto in parte.

La Bibbia non parla di Dio. Uno studio rivoluzionario sull'Antico Testamento

"Chi legge l'Antico Testamento con l. a. mente disincantata e vi si avvicina con l'atteggiamento sereno che avrebbe verso qualsiasi libro scritto dall'umanità non ha alcuna difficoltà a cogliere l'evidenza dei fatti. " Questo libro è il risultato di anni di studio, pubblicazioni e conferenze. Un cammino che Mauro Biglino ha iniziato come traduttore in step with le Edizioni San Paolo e che lo ha portato a sviluppare una lettura alternativa dell'Antico Testamento capace di suggerire ipotesi davvero rivoluzionarie.

Additional resources for La vita dopo la morte. Che cosa ci attende nell'aldilà

Sample text

40 CAPITOLO TERZO ficienti a determinarlo a effettuare sistematiche osservazioni, che fecero slittare la comunicazione della scoperta alla comunità scientifica (per il tramite della Royal Society) al 1 6 7 9 . Essendo il materiale delle osservazioni fra i più scabrosi, Leeuwenhoek comunicò di essersi sempre servito di quanto, «senza alcuna macchia peccaminosa da parte mia, resta naturalmente dopo un coito coniugale» e informò che al suo interno si trova «una tal moltitudine di animalculi viventi, che talvolta in una quantità di seme pari a un granello di sabbia ne formicolava più di un migliaio».

Con i dati della disciplina di riferimento di Robinet, che non casualmente era stata la disciplina di riferimento anche di Bonnet: quella che oggi chia- ' Cfr. Robinet 1768, p. 18 sgg. IL PREFORMISMO E LE METAMORFOSI 37 miamo embriologia e che all'epoca veniva coltivata come «teoria della generazione». L'embriologia era da tempo monopolizzata dalla teoria della preformazione dei «germi», proposta dal medico italiano Giuseppe degli Aromatari nell'Epistola de generatione plantarum (1625). Essa consisteva nelPassumere che l'embrione fosse già presente, nell'uovo o nello spermatozoo, «prima del coito», che vi fosse presente già completamente formato, anche se «prodigiosamente più piccolo», e che il suo sviluppo, innescato dalla fecondazione, consistesse in un mero accrescimento, un semplice ingrandimento detto evolutio.

Quel primo posto che adesso occupa fra gli animali del nostro pianeta». ], e dei Perrault e dei Vauban fra i castori» 12 . Bonnet non fa altro, dunque, che passare dall'idea di metamorfosi una tantum, che secondo Maillet portano le specie acquatiche a farsi terrestri o aeree (e da quel momento a permanere inalterate), all'ipotesi di una successione di metamorfosi, che portano ciascuna forma a farsi sempre più complessa, e la «scala» a innalzarsi progressivamente. La sua "evoluzione" non modifica ma conserva il rapporto esistente fra le specie poiché non modifica ma conserva la «catena» delle forme: «la progressione che scorgiamo oggi fra i vari livelli dei corpi si conserverà intatta in futuro».

Download PDF sample

Rated 4.32 of 5 – based on 5 votes