By Alain Badiou

Show description

Read or Download La vera vita PDF

Best italian_1 books

L'eroe tragico moderno

Booklet via Agostino Lombardo

Storia ideologica d'Europa da Sieyès a Marx (1789-1848)

Firenze, Sansoni, 1974, 16mo brossura con copertina illustrata a colori, pp. (Sansoni Università) . Sciolto in parte.

La Bibbia non parla di Dio. Uno studio rivoluzionario sull'Antico Testamento

"Chi legge l'Antico Testamento con los angeles mente disincantata e vi si avvicina con l'atteggiamento sereno che avrebbe verso qualsiasi libro scritto dall'umanità non ha alcuna difficoltà a cogliere l'evidenza dei fatti. " Questo libro è il risultato di anni di studio, pubblicazioni e conferenze. Un cammino che Mauro Biglino ha iniziato come traduttore in step with le Edizioni San Paolo e che lo ha portato a sviluppare una lettura alternativa dell'Antico Testamento capace di suggerire ipotesi davvero rivoluzionarie.

Additional info for La vera vita

Example text

12 Vedete: all’inizio, passione della vita consumata, eroismo impaziente, poesia e festini. Alla fine, niente più cantici, il che vuol dire: niente più poesie. Ci si converte alla ruvida necessità del dovere, della vita ben costruita. E quel che occorre, tutto al contrario di ciò che dominava la folle gioventù, è la pazienza, l’ardente pazienza. In tre anni, Rimbaud percorre l’intero movimento dei due orientamenti possibili in ogni giovinezza: il regno assoluto dell’immediato e dei suoi godimenti, o la ruvida pazienza del dovere di riuscire.

Quel che si è chiamato il «giovanilismo». Il giovanilismo è una sorta di capovolgimento dell’antico culto dei vecchi saggi. L’intendo su un piano teorico, o piuttosto ideologico, perché il potere è ancora in gran parte concentrato nelle mani di adulti, anzi di adulti già quasi vecchi. Ma il giovanilismo, in quanto ideologia, in quanto tema della pubblicità mercantile, impregna la società, che prende a modello i giovani. Come del resto prediceva Platone a proposito delle società democratiche, abbiamo l’impressione che i vecchi vogliano restar giovani a qualunque costo, e che i giovani non aspirino altrettanto a divenire adulti.

I primi sono erranti e fanno paura, i secondi sono svalutati e piazzati in appositi istituti, con il solo destino di morire «in pace». Vi propongo allora un’idea militante. Sarebbe giusto organizzare un’ampia manifestazione per l’alleanza fra i giovani e i vecchi, rivolta esplicitamente contro gli adulti di oggi. I più ribelli sotto i trent’anni e i più coriacei sopra i sessanta contro gli affermati quaranta-cinquantenni. I giovani direbbero che ne hanno abbastanza di essere erranti, disorientati e interminabilmente privi di ogni marca d’esistenza positiva.

Download PDF sample

Rated 4.44 of 5 – based on 7 votes