By Jerome S. Bruner

Show description

Read Online or Download La fabbrica delle storie. Diritto, letteratura, vita PDF

Similar italian_1 books

L'eroe tragico moderno

Ebook through Agostino Lombardo

Storia ideologica d'Europa da Sieyès a Marx (1789-1848)

Firenze, Sansoni, 1974, 16mo brossura con copertina illustrata a colori, pp. (Sansoni Università) . Sciolto in parte.

La Bibbia non parla di Dio. Uno studio rivoluzionario sull'Antico Testamento

"Chi legge l'Antico Testamento con l. a. mente disincantata e vi si avvicina con l'atteggiamento sereno che avrebbe verso qualsiasi libro scritto dall'umanità non ha alcuna difficoltà a cogliere l'evidenza dei fatti. " Questo libro è il risultato di anni di studio, pubblicazioni e conferenze. Un cammino che Mauro Biglino ha iniziato come traduttore consistent with le Edizioni San Paolo e che lo ha portato a sviluppare una lettura alternativa dell'Antico Testamento capace di suggerire ipotesi davvero rivoluzionarie.

Extra resources for La fabbrica delle storie. Diritto, letteratura, vita

Example text

Come potevano Agamennone e Clitennestra dividere lo stesso letto dopo che egli aveva sacrificato la diletta figlia di lei, il frutto del suo seno? Questi squilibri sono naturalmente situazioni umane o, in ogni caso, li trasformiamo in situazioni umane non appena cominciamo a parlarne tra noi. Li generalizziamo, li stilizziamo, li accordiamo con ciò che sappiamo del mondo. Il libro dell'Esodo modellò il racconto che io feci a me stesso di quei poveri fuggiaschi sulla Shawnee. E quel racconto che ho fatto a me stesso modellò l'esperienza di quella traversata atlantica.

I suoi rituali lo servono a dovere. III La narrativa giudiziaria come venne a essere legittimata a onta della sua egoistica retorica? Io credo che ci sia qualche altro motivo oltre alla fiducia nelle procedure giudiziarie, nelle norme sulle prove e nella ritualizzazione. Sono sempre più persuaso che l'impiego nelle perorazioni giudiziarie di un tipo di racconto visibilmente familiare dia la sicurezza che la legge - per così dire - «appartiene ancora alla gente», non soltanto ad avvocati odiosi e a stolidi giudici col loro gergo oscuro.

Perché usiamo la forma del racconto per descrivere eventi della vita umana, ivi comprese le nostre vite? Perché non immagini, o elenchi di date e di luoghi, o i nomi e le qualità dei nostri amici e nemici? Perché questa predilezione, apparentemente innata, per il racconto? Guardiamoci dalle risposte troppo facili! Anche l'etimologia ci avverte che narrare deriva sia dal latino narrare, sia da gnarus, che è «chi sa in un particolare modo» - il che ci fa pensare che il raccontare implichi sia un modo di conoscere, sia un modo di narrare, in una mescolanza inestricabile 19 .

Download PDF sample

Rated 4.49 of 5 – based on 40 votes