By Joseph Roth

Show description

Read or Download La Cripta dei Cappuccini PDF

Similar italian_1 books

L'eroe tragico moderno

Ebook by means of Agostino Lombardo

Storia ideologica d'Europa da Sieyès a Marx (1789-1848)

Firenze, Sansoni, 1974, 16mo brossura con copertina illustrata a colori, pp. (Sansoni Università) . Sciolto in parte.

La Bibbia non parla di Dio. Uno studio rivoluzionario sull'Antico Testamento

"Chi legge l'Antico Testamento con l. a. mente disincantata e vi si avvicina con l'atteggiamento sereno che avrebbe verso qualsiasi libro scritto dall'umanità non ha alcuna difficoltà a cogliere l'evidenza dei fatti. " Questo libro è il risultato di anni di studio, pubblicazioni e conferenze. Un cammino che Mauro Biglino ha iniziato come traduttore in step with le Edizioni San Paolo e che lo ha portato a sviluppare una lettura alternativa dell'Antico Testamento capace di suggerire ipotesi davvero rivoluzionarie.

Additional info for La Cripta dei Cappuccini

Example text

Pareva quasi che dovessi ringraziare il vetturino Manes perché mi era stato concesso di procurare a suo figlio un posto al Conservatorio. «Non mi resta altro da fare qui a Vienna,» continuò «domani tornerò a casa». �Deve ancora far visita al conte Chojnicki,» dissi «per ringraziarlo». » riconobbe Manes. «Gli farò un saluto. ». » dissi. » Il treno del vetturino Manes Reisiger partiva alle undici di sera e verso le otto egli venne da me e mi chiese, o meglio, quasi mi ordinò di portarlo all’albergo del conte Chojnicki.

Un vero ‘compaesano’ quale intendo io ti piove dal cielo come segno della grazia. Se poi per giunta è nato nella mia terra: à la bonheur! Ma questo è un caso, l’altro è un destino». ». Due giorni dopo gli portai il vetturino Manes Reisiger all’Hotel Kremser. Manes sedeva a malapena sul bordo della sedia, immobile, un essere nero, colossale. A vederlo sembrava che non si fosse seduto da sé, che qualcun altro l’avesse messo a sedere, per caso, sul bordo, e che da solo non fosse in grado di occupare tutto il posto.

Così ogni anno, all’inizio di novembre, se ne andava in giro per alcuni territori della Corona. Se però in qualche posto si trovava particolarmente bene, ci passava anche tutto l’inverno, finché non arrivavano le cicogne. Allora legava i sacchi vuoti intorno alla groppa del mulo e raggiungeva la più vicina stazione ferroviaria. Caricava la bestia, partiva per il suo paese e ridiventava un contadino. Gli chiesi in che modo si potesse dare incremento a un commercio così modesto, e lui mi spiegò che si potevano fare ancora un’infinità di cose.

Download PDF sample

Rated 4.63 of 5 – based on 11 votes